ORES 2018

“Il mondo è stato creato da tempo immemorabile. All’inizio c’era solo la Roccia ed essa è ancora nel mondo, ad Est, a ricordare la presenza del Creatore”.

 In un mondo popolato dalle Pietre Parlanti, dagli Elfi Glicini, dagli Sciuridi, dagli Uomini, grande importanza hanno le “MEMORIE”, che generano i ricordi di ogni essere vivente e che, sotto la loro forma di fuochi fatui, sono conservate nella Capitale.

Ma un nemico oscuro, OBLIO, attraverso i suoi emissari sta rubando tutte le memorie e con esse i ricordi più importanti degli abitanti del mondo, i quali lentamente stanno iniziando a smettere di sognare.

Riuscirà la nostra piccola, ma motivata, compagnia a recuperarle tutte, a sconfiggere il terribile Oblio e ritrovare anche la speranza di un futuro per tutto il mondo?

 

PRESENTAZIONE

E’ con vero piacere che presento il progetto dell’oratorio estivo 2018 della Diocesi di Roma, nato dalla collaborazione dell’Ufficio Catechistico Diocesano e del Centro Oratori Romani, ma alimentato anche da tante altre realtà che hanno collaborato al progetto: associazioni come l’Agesci o Amici di Simone, religiosi come i Giuseppini del Murialdo, gruppi parrocchiali come quello di S. Giustino o Santa Felicita e FF.MM.

Si tratta di un progetto ormai giunto all’undicesima edizione: il primo sussidio è stato infatti pubblicato dieci anni fa, nel 2008.

E allora ecco il tema della memoria, del tenere a mente e a cuore le cose importanti, quelle per le quali vale la pena spendersi, impegnarsi, investire il proprio futuro. Un tema importante nell’educazione delle nuove generazioni, che troppo spesso vediamo crescere senza radici e punti di riferimento essenziali. Un tema importante anche proprio nella catechesi dell’iniziazione cristiana chiamata a far risuonare lo Spirito, “memoria viva della Chiesa” (CCC 1099).

Offriamo questo lavoro alle comunità parrocchiali, agli oratori, agli istituti religiosi, perché possano utilizzarlo per proporre una nuova, bellissima avventura ai propri ragazzi.

Buona estate.

Don Andrea Cavallini
Incaricato per l’Ufficio Catechistico e Servizio per il Catecumenato della Diocesi di Roma

 

I FASCICOLI DELLA GUIDA

Storia
Formazione degli Animatori
Preghiera
Attività Formative
Catechesi
Laboratori
Uscite
Grandi Giochi a tema
Teatro
Copertina Testimoni

 

LO SPUNTO EVANGELICO

“Così Eutico (At 20,7-12), tra lo sconcerto di tutti, cade giù e muore. E’ con tristezza enorme che vediamo tanti giovani delle nostre città, proprio perché nei loro percorsi di crescita ormai il vangelo è per lo più assente, appiattirsi sulla mediocrità, perdere la capacità di sognare, rinchiudersi nell’individualismo, rimanere soli e senza parole rispetto ai grandi drammi della vita. Senza il Signore la vita dell’uomo non è più la stessa: si può essere giovani ed essere “vecchi dentro”, forse persino “morti dentro”.

Da queste parole del Vicario Generale della diocesi di Roma, S.E. Mons. Angelo De Donatis, pronunciate nel discorso conclusivo del convegno diocesano, prende inizio la nostra avventura  alla riscoperta del vangelo come valore vero e concreto della propria vita.

 Riscoprire il nostro fondamento nel vangelo significa riappropriarsi della capacità di sognare, di guardare al futuro, di tornare giovani e nuovamente alla vita, quella vera. Per fare questo è necessario fare ricorso alla “MEMORIA”. Abbiamo ritenuto necessario e fondamentale mettere al centro dell’attività dell’oratorio estivo proprio questo messaggio di riscoperta della “buona notizia” nella vita concreta di tutti i giorni. Fare memoria è “ricordare”, ma anche “non dimenticare” ciò che conta veramente: la famiglia, gli amici, il creato e la bellezza del mondo, ma anche il valore di dire grazie, di cercare la verità e la felicità.

Inoltre questo per noi è un anno importante nel quale la “MEMORIA” ricopre un ruolo di grande rilievo: sono infatti passati dieci anni da quel maggio del  2008 nel quale la diocesi di Roma ha realizzato il suo primo progetto di un oratorio estivo condiviso e in collaborazione con molte realtà associative del territorio.

Nel nostro cammino ritroveremo perciò anche tutti quei valori che in questi anni abbiamo voluto trasmettere ai nostri ragazzi.

Non resta quindi altro che partire per questa nuova e fantastica avventura “MÈMORES - cronache delle memorie perdute” alla ricerca di Gesù e della sua “Buona Notizia”.

 

LA STRUTTURA

Quest’anno si è scelto di proporre una struttura meno rigida e quindi meno legata strettamente alla suddivisione in quattro settimane, per andare incontro alle diverse esigenze degli oratori rispetto ai propri tempi di apertura. Per questo, il sussidio si compone di dieci tappe modulari; ciascuna è completa in sé, quindi ogni oratorio può comporre la propria programmazione scegliendo le varie tappe secondo le proprie esigenze (per ciascuna settimana sono programmabili una o più tappe, secondo la struttura del proprio oratorio estivo). In questo modo si possono utilizzare tutte le tappe, oppure se ne possono selezionare soltanto alcune, possibilmente mantenendo l’ordine suggerito, per una maggiore coerenza interna dei percorsi.

Per ciascuna tappa si avrà:

  • Il TEMA - gli obiettivi della tappa
  • LA STORIA - il capitolo narrativo relativo alla tappa
  • LA PAROLA - un riferimento biblico con approfondimento per i bambini ed un contributo specifico per gli animatori
  • LA CATECHESI - Due attività formative sul tema, divise per fasce di età (6-10 anni e 11-13 anni)
  • IL GIOCO - un grande gioco a tema
  • UN TESTIMONE - che abbia vissuto nella propria esperienza di fede l’atteggiamento proposto

Saranno inoltre disponibili:

  • Tracce per l’itinerario di preghiera con i bambini e con gli animatori
  • Indicazioni per i laboratori di manualità
  • Proposte di giochi a tema per ogni occasione
  • Suggerimenti per i tornei a squadre
  • Una sezione dedicata all’integrazione dei ragazzi con disabilità
  • Una sezione specifica di giochi per ragazzi con disabilità (“Giochi senza barriere”)

LE DIECI TAPPE DEL SUSSIDIO:

 

Tema/obiettivo


Brano di riferimento

1

Ricordiamoci di condividere

(per mettere in comune quello che abbiamo, le belle notizie, i nostri talenti)

Gv 6, 1-4

(il ragazzo dei pani e dei pesci)

2

Ricordiamoci degli Amici!

(Sono le persone con le quali possiamo sperimentare la bellezza della vita)

Gv 15, 12-17

(Il comandamento dell’amore)

3

Ricordiamoci della famiglia

(che ci custodisce, ci aiuta a crescere, ci sostiene, ci educa)

Lc 11, 1-4

(la consegna del “Padre Nostro”)

4

Ricordiamo le nostre radici

(perché esse contengono il segreto di ciò che siamo e di ciò che possiamo diventare)

Mt 7, 24-27

(la casa sulla roccia)

5

Ricordiamo l’importanza della parola

(e del linguaggio, perché possiamo giungere a comunicare davvero)

Lc 5, 1-11

(la pesca miracolosa)

6

Ricordiamoci di cercare LA VERITA’

(…per non dare credito alle falsità)

Gv 8, 12-20

(“la mia testimonianza è vera”)

7

Ricordiamoci di seguire la felicità

(per realizzare i nostri sogni)

Mt 19, 16-22

(il giovane ricco)

8

Ricordiamoci di custodire il creato

(dono speciale che abbiamo ricevuto e di cui dobbiamo avere cura)

Il Cantico delle Creature

(S. Francesco d’Assisi)

9

Ricordiamo di impegnarci in prima persona

(perché il nostro futuro lo costruiamo oggi, con le scelte che facciamo e con i piccoli mattoni che mettiamo ogni giorno)

Dammi Signore un’ala di riserva

(don Tonino Bello)

10

Ricordiamo di dire “Grazie”

(per esprimere la gratitudine per le persone che ci sono accanto

e per le cose belle che ci accadono)

Salmo 103

(Benedici il Signore, anima mia)

registrati memores

Ti piace il sussidio ORES?Sostieni il lavoro diocesano col tuo piccolo contributo!
Puoi donare liberamente tramite Paypal

Copyright 2017 - Powered by Nova Opera