Start... Animazione

foto start

1-2-3 Start... chi ben comincia è a metà dell'opera! Così recita un famoso detto e in Oratorio vale lo stesso. Il momento dell'accoglienza, la presentazione iniziale, l'interazione con i bambini sin dal primo passo fatto all'interno del cortile ricoprono un ruolo fondamentale. L'animazione è la base per ben iniziare qualsiasi attività, ma è anche uno stile che contraddistingue ogni esperienza dal gioco, alle attività pratiche alla preghiera. Start... animazione saranno tre giorni molto intensi alla scoperta della vera animazione: il significato profondo dell'essere un animatore ispirato dal Signore e le tecniche per animare come i balli, i giochi e le attività pratiche.

Cosa è?

Una tre giorni di formazione all'animazione in oratorio.

A chi è rivolto?

A ragazzi e ragazze tra i 14 e i 17 anni, che stanno muovendo i primi passi in oratorio, che si vogliono preparare all'ores o che vogliono migliorare il modo di animare. 

Quando? Dove? Quanto costa?

Dipende dalla formula...

  • (residenziale con pernotto)
    dal 28 aprile al 30 aprile 2018

    Valentano (VT)

    Quota:
    100€, se ti iscrivi entro il 31 marzo

  • (dalle 8.30 alle 22.30, senza pernotto)
    dal 1 al 3 giugno 2018

    Centro Arnaldo Canepa - Via Columella 53, Roma
    Zona Quadraro - Metro A Porta Furba

    Quota:
    70€, se ti iscrivi entro il 30 Aprile

 

Gli Ingredienti dello Stage:

  • PER CRESCERE: (LAVORI DI GRUPPO)

    1)ORES:  “Mettersi in gioco”

     “Mettersi in gioco” sarà la prima delle regole dell’animatore che i ragazzi dovranno apprendere. Prima di iniziare bisogna già che i ragazzi scelgano di farne parte e partecipare significa “Scenderà in campo” e GIOCARE.

    2)L’ANIMAtore

    Chi e cosa si nasconde alle spalle di un semplice animatore? Qual è il segreto della sua forza, dell’energia e dell’allegria? Si cercherà di portare i ragazzi alla Fonte vera, alla gioia inesauribile di Cristo.

    3)Il bambino dell’Oratorio

    Alla scoperta del bambino, conoscere chi si incontra tutti giorni in oratorio per comprenderne il linguaggio e saper adeguare il proprio. Scoprire la sua “dignità” passando dal “mi piacciono i bambini” a saper “stimarli”

    4)Essere Animatori di Oratorio

    Al termine del percorso si scoprirà insieme la “formula segreta” dell’animatore di oratorio, attraverso la condivisione delle loro esperienze e il cammino fatto in questi giorni.

     

  • PER SAPER FARE: (LABORATORI)

    1)Il Gioco

    Impariamo a giocare giocando. Partendo dall’esperienza di giochi a cui prenderanno parte i ragazzi dovranno stilare le “regole del buon gioco” e “Gli errori da Evitare”. Prima fase di esperienza attiva, seconda di rielaborazione in gruppo.

    2)Attività pratiche

    Mettere in pratica la creatività, questo si sperimenterà in questi laboratori dove i ragazzi in prima persona realizzeranno le attività dell’oratorio estivo.

    3)Preghiera

    Sperimentare la preghiera attraverso la liturgia della parola e la , spiegazione del linguaggio di Dio e come possa parlare agli animatori e ai bambini.

    4)Animazione

    Imparare ad animare attraverso ban e balli, a seguire la musica, ad utilizzare la voce e coinvolgere i bambini, ad improvvisare i gestire gli imprevisti.

     

  • PER ANIMARE: (Tecniche e strumenti di animazione)

    1)Musica, Canti e Balli – balli e bans saranno strumenti ricorrenti per tutte le giornate dello stage.

    2)Cerchio della Gioia – Tecnica per l’animazione del cerchio, attraverso una struttura narrativa semplice vengono coinvolti ragazzi e bambini in mini giochi e spettacoli, balli e bans

    3)Cena a Tema – Una “normalissima cena” che di normale non ha nulla, tutto ciò che sarà presente durante la cena sarà accomunato da un tema scelto – il menù, i commensali, i centro tavola etc. Durante tutta la cena ogni istante sarà animato dall’equipe, con musica e mini attività.

    4)Veglia di Preghiera – Una preghiera vera che vuole coinvolgere in modo profondo i ragazzi, una relazione intima con Dio attraverso l’adorazione eucaristica e la possibilità di confessarsi.

     

  • PER CONDIVIDERE: (Lo spettacolo finale)

    Lo Spettacolo aperto è una sorta di “Saggio” a cui sono invitati i genitori, direttori di oratorio e gli assistenti. Ha lo scopo di far sperimentare ai ragazzi l’azione dell’animare, l’esibirsi davanti ad altri ed interagire.

    Al termine dello spettacolo i ragazzi e tutti gli ospiti presenti daranno vita alla festa finale che sancisce la conclusione dello stage.

 

Iscriviti ora:

<div style="margin-bottom: 20px;" data-mce-style="margin-bottom: 20px;">Your browser does not support frames, so you can't complete this form here. However, you can <a href="https://www.doculicious.com/img/screenshots/99110e1e059c1e6c.pdf" data-mce-href="https://www.doculicious.com/img/screenshots/99110e1e059c1e6c.pdf">click here to download a PDF file of this form</a></div>

powered by doculicious

Copyright 2017 - Powered by Nova Opera